Covid & scuola: cosa fare se.... Indicazioni per famiglie e personale (clicca)

In questa pagina, una sintesi delle indicazioni  fornite dalle autorità competenti per la gestione dei casi e dei focolai Covid nelle scuole  [continua la lettura.....]. 

 

Queste indicazioni possono subire variazioni in relazione del quadro epidemiologco 

 

ORGANIZZAZIONE IPSIA

    Referenti Covid IPSIA Cernusco&Melzo

   - sede di Cernusco : prof. Gaetano Ottaviano

   - sede di Melzo :      prof.ssa Laura Montalbetti

 

          Comunicazioni e segnalazioni degli utenti alla scuola, via mail a :

   classi/personale sede Cernusco :    covid.cernusco@ipsiacernusco.edu.it

   classi/personale sede Melzo :         covid.melzo@ipsiacernusco.edu.it

segnalazioni assenze per sintomi, per attesa esito tampone, per positività/negatività a tampone, per quarantena preventiva fiduciaria, per rientri ad avvenuta guarigione, per invio certificati medici…..

 

             LE REGOLE ESSENZIALI

  1. Ogni mattina, prima di uscire di casa, verificare preventivamente le condizioni di salute proprie (operatore scolastico) o del proprio figlio studente, misurando se opportuno la febbre;
  2. In presenza di sintomatologia sospetta (o in caso di convivenza con soggetto positivo accertato) :
  • non uscire di casa,
  • contattare immediatamente il Medico curante (MMG) per la prescrizione del tampone,
  • successivamente comunicare alla mail “covid” della scuola l’assenza in attesa dell’effettuazione del tampone (e specificando la data se conosciuta)
  1. effettuare il test diagnostico prescritto in uno dei “punti tampone”
  2. SE L’ESITO DEL TEST E’ POSITIVO : attenersi al percorso diagnostico\terapeutico stabilito dal MMG,  fino a conferma di avvenuta guarigione, con l’effettuazione di due tamponi a distanza di 24 ore.

RIENTRO A SCUOLA: L’alunno/operatore scolastico rientrerà a scuola solo previa consegna dell’ attestazione di avvenuta guarigione e nulla osta all’ingresso o rientro in comunità rilasciata dal MMG (invio preventivo alla mail covid della scuola, o consegna alla segreteria);

  1. SE L’ESITO DEL TEST E’ NEGATIVO : rimanere comunque a casa fino a guarigione seguendo le indicazioni del MMG.

RIENTRO A SCUOLA: L’alunno/operatore scolastico rientrerà a scuola solo previa consegna dell’ attestazione che l’alunno/operatore scolastico può rientrare a scuola rilasciata dal MMG (invio preventivo alla mail covid della scuola, o consegna alla segreteria).

 

                                     GIUSTIFICAZIONE ASSENZE

Al rientro a scuola, ogni assenza da scuola (covid o no) va giustificata secondo quanto qui di seguito esplicitato:

 

  1. ASSENZA PER MOTIVI PERSONALI/FAMILIARI senza alcuna implicazionedi tipo medico

 

  • si giustifica sul Diario/libretto con la dizione “motivi personali (o familiari)” *

* nello spazio precompilato “giustificazioni assenze” del Diario/libretto

            -     se l’assenza è di tre o più giorni il motivo va specificato **

                   ** nella sez. “Comunicazioni scuola-famiglia” del Diario/libretto)

            

  1. ASSENZE PER MOTIVI DI SALUTE ESTRANEI AL RISCHIO COVID

 

  1. ASSENZA UNO/DUE GIORNI :
  • Si giustifica sul Diario/libretto con un’ attestazione dello studente/genitore di avere contattato il medico curante, e di aver ricevuto da questi le opportune indicazioni **

** nella sez. “Comunicazioni scuola-famiglia”  del Diario/libretto

 

  1. ASSENZA TRE O PIU’ GIORNI :

-     L’alunno/operatore scolastico rientrerà a scuola solo previa consegna dell’ attestazione

      che l’alunno/a può rientrare a scuola rilasciata dal Medico curante  ***

 

  1. ASSENZA PER ATTESA DI EFFETTUAZIONE/CONOSCENZA ESITO TAMPONE (NEGATIVO

o   CONTATTO STRETTO CON CONTAGIATI  (ESITO TAMPONE NEGATIVO)

 

-     L’alunno/operatore scolastico rientrerà a scuola solo previa consegna dell’ attestazione   

      che l’alunno/a può rientrare a scuola rilasciata dal Medico curante ***

 

  1. ASSENZA PER AVVENUTO CONTAGIO (TAMPONE POSITIVO)

 

- L’alunno/a rientrerà a scuola solo previa consegna dell’attestazione di avvenuta   

  guarigione e nulla osta all’ingresso/rientro in comunità rilasciata dal Medico curante***

 

***   I certificati/attestazioni mediche (casi 2B, 3, 4) possono essere prodotti :

- in forma digitale, inviandoli previamente alla casella p.e.“covid” della sede scolastica

- in forma cartacea, consegnandoli alla Segreteria/Vicepresidenza al momento del rientro

ATTENZIONE! NON BASTA L’ESITO DEL TEST; CI VUOLE IL CERTIFICATO MEDICO DI RIENTRO !!

 

In caso di allergie/patologie croniche implicanti assenze ricorrenti o manifestazioni interpretabili alla stregua di sintomi covid, lo studente/genitori produrranno preliminarmente idonea documentazione.

 

Ulteriori precisazioni:

 

  1. Qualora, in caso di malattia prolungatasi per almeno tre giorni, il Medico abbia ritenuto di NON PRESCRIVERE L’EFFETTUAZIONE DEL TAMPONE, al rientro si richiede preferibilmente la produzione del relativo certificato/attestato medico di idoneità al rientro; nel caso il MMG non l’abbia rilasciato (in questo caso non è tenuto), è sufficiente un’AUTODICHIARAZIONE DELLA FAMIGLIA (CLICCA) in merito alla malattia e al contatto avuto con il MMG.
  2. DOPO TAMPONE NEGATIVO, per rientrare a scuola NON BASTA il documento di risultanza negativa del tampone, ma SI ESIGE il certificato/attestato medico di idoneità al rientro (che il MMG è tenuto a produrre);
  3. Emersione sintomi covid a scuola. Lo studente che nel corso della sua permanenza a scuola manifesti sintomi covid viene allontanato dalla classe e vigilato in Aula confinamento, in attesa del rientro al domicilio, accompagnato (necessariamente se minorenne, auspicabilmente se maggiorenne) dal genitore. La scuola segnalerà il caso all’AST tramite la specifica piattaforma, e fornnirà alla famiglia il modulo di autodichiarazione timbrato, ai fini dell’effettuazione test.
  4. In caso di allergie/patologie croniche implicanti assenze ricorrenti o manifestazioni interpretabili alla stregua di sintomi covid, lo studente/genitori produrranno preliminarmente idonea documentazione.

 

 

 

Quanto sopra viene qui a seguire approfondito.

 

  1. IDENTIFICAZIONE CASI

Il percorso previsto varia a seconda del soggetto interessato (studente o docente), dell’età dello studente e del contesto in cui si presenta la sintomatologia (scuola o domicilio).

 

  • STUDENTI
  • Se i sintomi si presentano al proprio domicilio, Il genitore, o lo studente maggiorenne, contatta nel più breve tempo possibile il proprio Medico curante (MMG). In caso di indicazione di effettuare il tampone, il genitore accompagna il figlio al punto tampone con modulo di autocertificazione (Modulo 2 sotto allegato). Se lo studente è maggiorenne può autopresentarsi al punto tampone con modulo di autocertificazione (Modulo 3 sotto allegato)
  • Se i sintomi si presentano a scuola, il genitore accompagna il figlio al punto tampone con modulo di autocertificazione (vedi Modulo 2 sotto allegato) e comunque prende contatti con il proprio medico curante. Se lo studente è maggiorenne può autopresentarsi al punto tampone con modulo di autocertificazione (vedi Modulo 3 sotto allegato).

PORTALE “COVID-19 FAMIGLIE/DOMICILIO (CLICCA)

Dedicato alle famiglie per segnalare ad ATS Milano l’insorgenza, al domicilio, di sintomi sospetti Covid nei propri figli, alunni di scuole.

I sintomi meritevoli di attenzione sono: febbre ≥ 37,5°, tosse, mal di gola, raffreddore, dissenteria, congiuntivite, forte mal di testa, perdita del senso dell’olfatto, perdita del senso del gusto, dolori muscolari, difficolta respiratoria.

 

  • PERSONALE SCOLASTICO

Se un soggetto appartenente al personale scolastico presenta sintomi suggestivi per il Covid-19, dovrà contattare nel più breve tempo possibile il proprio Medico curante e, in caso di indicazione di sottoporsi a tampone, dovrà recarsi al punto tampone con modulo di autocertificazione (vedi Modulo 1 sotto allegato)

 

La scuola, tramite il Referente Covid, segnala su un apposito portale regionale gli allontanamenti di alunni e personale, nonché le assenze improvvise delle classi.

 

 

        B) EFFETTUAZIONE TAMPONE -Modulistica

Le ATS e le ASST consentono l’accesso al test (tampone) senza prenotazione, gratuitamente e con autocertificazione della motivazione, sia per gli studenti, sia per il personale scolastico docente e non docente, che presentino sintomi a scuola o fuori dall’ambiente scolastico 

 

ELENCO DEI CENTRI PER L’EFFETTUAZIONE DEI TAMPONI (CLICCA)

tutti i punti devono accogliere le richieste di effettuazione tampone con accesso senza prenotazione e con autocertificazione.

 

- L’accesso ai punti tampone è consentito solo su presentazione del modulo di autodichiarazione (disponibili sopra in allegato) che deve essere consegnato in fase di accettazione.

- E’ necessario consultare anticipatamente il medico curante che indicherà se effettuare o no il test: l’avvenuto consulto preventivo è infatti autocertificato dall’utente.

 

Per accedere direttamente a questi Servizi è di regola necessaria l’indicazione da parte di un MMG. Potrà eseguire il tampone senza prenotazione il solo soggetto che abbia già ricevuto un’indicazione dal proprio Medico o che provenga direttamente dalla Scuola e non sia riuscito a mettersi in contatto con il proprio Medico.

 I laboratori processano i tamponi che provengono dai punti tampone in giornata.

 

E’ necessario presentarsi al Punto Tamponi provvisti di:

  • autocertificazioni 
  • fotocopia della Carta di Identità 
  • fotocopia del Codice Fiscale 

Questi documenti saranno oggetto di verifica, e ogni falsa dichiarazione sarà trasmessa alla Procura della Repubblica per le sanzioni del caso.

In fase di accesso vengono registrati i dati anagrafici della persona da testare (nome, cognome, data di nascita e Codice Fiscale) e il numero di telefono a cui fare riferimento.

Gli esiti saranno disponibili sul Fascicolo Sanitario Elettronico.

 

Scarica le AUTODICHIARAZIONI ai sensi dell'Art.47 D.P.R. N.445/2000 (clicca sulla voce)

 

 

   C) GESTIONE CONTATTI STRETTI

Sono considerati contatti stretti gli studenti dell’intera classe (presenti nelle 48 ore precedenti).

L’isolamento domiciliare fiduciario dei contatti stretti può essere disposto unicamente a seguito di segnalazione di caso accertato CoviD-19.

Spetta unicamente al Dipartimento di Igiene Prevenzione sanitaria (DIPS) delle ATS la competenza alla disposizione di isolamento domiciliare fiduciario di tutti i soggetti ritenuti contatti stretti.

IL PERSONALE SCOLASTICO che abbia osservato le norme di distanziamento interpersonale, igienizzazione frequente delle mani e l’utilizzo della mascherina chirurgica non è da considerarsi contatto di caso a meno di differenti valutazioni in relazione ad effettive durata e tipologia dell’esposizione.

 

  1. RIAMMISSIONE IN COLLETTIVITA’

La riammissione in collettività avviene come da indicazioni nazionali:

  1. In caso di test diagnostico per SARS-CoV-2 con esito positivo, il Medico di Medicina Generale (MMG), dopo aver preso in carico il paziente ed aver predisposto il corretto percorso diagnostico\terapeutico predispone, dopo la conferma di avvenuta guarigione (con l’effettuazione di due tamponi a distanza di 24 ore l’uno dall’altro risultati negativi), “Attestazione di nulla osta all’ingresso o al rientro in comunità”.
  2. Se il test diagnostico è negativo, per il paziente sospetto per infezione da SARS-CoV-2, , il medico curante, secondo sua precisa valutazione medica, valuta il percorso clinico/diagnostico più appropriato (eventuale ripetizione del test) e comunque l’opportunità dell’ingresso a scuola.

In caso di diagnosi di patologia diversa da COVID-19, la persona rimarrà a casa fino a guarigione clinica seguendo le indicazioni del pediatra o del medico curante, che redigerà un' attestazione che l’alunno/operatore scolastico può rientrare scuola poiché è stato seguito il percorso diagnostico-terapeutico e di prevenzione per COVID-19.

 

Nel caso in cui lo studente non venga sottoposto a tampone in quanto la sua sintomatologia non è riconducibile a CoviD-19 il medico curante o il pediatra indicherà alla famiglia le misure di cura e, in base all’evoluzione del quadro clinico, valuterà i tempi per il rientro al servizio educativo/scuola.

Anche in tal caso è richoesta per il rientro l'attestazione che l'alunna/o/operatore può rientrare a scuola, rilasciata dal MMG.

 

 

                                    FAQ - GESTIONE DI CASI SOSPETTI E FOCOLAI

 

                                                        FAMIGLIE & STUDENTI

    1. Cosa deve controllare ogni mattina la famiglia prima di portare l’alunno/a a scuola?

Occorre misurare a casa la temperatura corporea e verificare che l’alunno/a non abbia altri sintomi sospetti Covid: tosse, mal di gola, raffreddore, dissenteria, congiuntivite, forte mal di testa, perdita del senso dell’olfatto, perdita del senso del gusto, dolori muscolari, difficolta respiratoria.

In caso di febbre ≥ 37.5 C° o di dubbio circa lo stato di salute, non portare l’alunno/a a scuola, contattare il Medico curante e attenersi alle sue indicazioni.

 

    1. Cosa deve fare la famiglia in caso l’alunno/a manifesti sintomi sospetti Covid a casa?

L’alunno/a deve rimanere a casa, è necessario contattare tempestivamente il Medico curante e attenersi alle sue indicazioni. che, in caso di sospetto COVID-19, richiede tempestivamente il test diagnostico e lo comunica al Dipartimento di prevenzione per l’esecuzione del test.

Nel caso sia necessario effettuare un tampone, è possibile recarsi senza appuntamento nei punti prelievi individuati.

L’alunno/a con sintomi sospetti Covid a casa, può essere segnalato ad ATS di Milano accedendo a questo link: http://portalescuola.ats-milano.it/segnalazionecovid.aspx

I genitori devono comunicare l’assenza scolastica per motivi di salute con mail a.

- classi/personale sede Cernusco :    covid.cernusco@ipsiacernusco.edu.it

- classi/personale sede Melzo :         covid.melzo@ipsiacernusco.edu.it

 

    1. Cosa deve fare la scuola in caso l’alunno/a manifesti sintomi sospetti Covid a scuola?

Il personale scolastico che viene a conoscenza di un alunno sintomatico deve avvisare il Referente scolastico per COVID-19 che fa avvertire immediatamente i genitori della necessità dell’allontanamento dell’alunno/a, e che segnala l’allontanamento ad ATS Milano tramite l’apposito portale informatico.

In attesa del rientro a casa, va ospitato nella stanza dedicata o area di isolamento, come da procedura di sicurezza*.

La scuola non deve mettere in atto alcun provvedimento a carico dei compagni di classe e del personale che potranno continuare la frequenza scolastica.

 

* L’alunno deve essere dotato di una mascherina chirurgica (se maggiore di sei anni) e ospitato in una stanza dedicata dove sarà necessario procedere all’eventuale rilevazione della temperatura corporea, da parte del personale scolastico individuato, mediante l’uso di termometri che non prevedono il contatto. Il minore non deve essere lasciato da solo ma in compagnia di un adulto che preferibilmente non deve presentare fattori di rischio e che dovrà mantenere, ove possibile, il distanziamento fisico di almeno un metro e indossare la mascherina chirurgica fino a quando l’alunno non sarà affidato a un genitore/tutore legale.

 

    1. Cosa deve fare la famiglia in caso l’alunno/a venga allontanato da scuola per sintomi sospetti Covid?

E’ necessario contattare tempestivamente il Medico curante e attenersi alle sue indicazioni. Per effettuare il tampone, è possibile recarsi senza appuntamento nei punti prelievi individuati.

 

    1. Cosa deve fare l’alunno/a se gli è stato prescritto o se è in attesa dell’esito del tampone?

 In attesa dell’esecuzione o dell’esito del tampone, l’alunno/a NON deve andare a scuola e deve rimanere in isolamento.

 

    1. Come si procede se l’alunno risulta negativo al test?

Se il tampone naso-oro faringeo è negativo, l’alunno/a, a giudizio del Medico curante, ripete il test a distanza di 2-3 gg. L’alunno deve comunque restare a casa fino a guarigione clinica e alla conferma negativa del secondo test.

In caso di diagnosi di patologia diversa da COVID-19 (tampone negativo), l’alunno rimarrà a casa fino a guarigione clinica seguendo le indicazioni del Medico curante che redigerà una attestazione che lostudente può rientrare scuola poiché è stato seguito il percorso diagnostico-terapeutico e di prevenzione per COVID-19.

Se l’esito è negativo e dopo valutazione del Medico curante l’alunno/a potrà riprendere la frequenza scolastica dietro presentazione di attestazione medica.

 

    1. Cosa succede se un alunno/a o un operatore risulta positivo al Covid?

La persona positiva al Covid dovrà osservare un periodo di isolamento obbligatorio.

Per il rientro in comunità bisognerà attendere la guarigione clinica (cioè la totale assenza di sintomi) dell’alunno. La conferma di avvenuta guarigione prevede l’effettuazione di due tamponi a distanza di 24 ore l’uno dall’altro. Se entrambi i tamponi risulteranno negativi l’alunno potrà definirsi guarito, altrimenti proseguirà l’isolamento.

L’attestazione di guarigione è rilasciata dal Medico curante.

 

Contestualmente, se il test è positivo, il Dipartimento di prevenzione della Asl notifica il caso e la scuola avvia la ricerca dei contatti e le azioni di sanificazione straordinaria della struttura scolastica nella sua parte interessata.

Il Referente scolastico COVID-19 deve fornire al Dipartimento di prevenzione l’elenco dei compagni di classe nonché degli insegnanti del caso confermato che sono stati a contatto nelle 48 ore precedenti l’insorgenza dei sintomi.

 

    1. Cosa deve fare un alunno/a o un operatore classificato come contatto stretto di caso Covid a scuola?

I soggetti classificati come contatti stretti non potranno frequentare la scuola poiché saranno da ATS posti in isolamento fiduciario per 14 giorni dall’ultimo contatto.

Devono monitorare lo stato di salute informando il Medico curante.

Al termine dei 14 giorni dovranno effettuare un tampone che, se negativo, consentirà loro di riprendere la frequenza scolastica con l’attestazione rilasciata dal Medico curante.

Il Dipartimento di prevenzione deciderà la strategia più adatta in merito ad eventuali screening al personale scolastico e agli alunni.

 

I soggetti che non sono stati identificati come contatti stretti possono continuare la frequenza scolastica.

IL PERSONALE SCOLASTICO che abbia osservato le norme di distanziamento interpersonale, igienizzazione frequente delle mani e l’utilizzo della mascherina chirurgica non è da considerarsi contatto di caso a meno di differenti valutazioni in relazione ad effettive durata e tipologia dell’esposizione.

I famigliari/conviventi del contatto non sono soggetti a provvedimenti di isolamento.

 

    1. Cosa deve fare un alunno/a o un operatore classificato come contatto stretto di caso Covid al di fuori dell’ambito scolastico (es: in famiglia)?

Su valutazione del Dipartimento di prevenzione, l’alunno o il lavoratore sarà posto in isolamento fiduciario a casa per 14 giorni dall’ultimo contatto con il caso; deve monitorare il suo stato di salute informando  il Medico curante.

Deve osservare l’isolamento Al termine dei 14 giorni dovrà effettuare un tampone che, se negativo, consentirà di riprendere la frequenza scolastica con l’attestazione rilasciata dal Medico curante.

I compagni di classe e gli altri operatori della scuola non sono soggetti a provvedimenti e pertanto potranno continuare la frequenza scolastica.

    1. Quali precauzioni dovranno essere prese in caso di alunno o operatore che abbia contatto con una persona che vive a stretto contatto con un positivo al COVID-19?

Qualora un alunno o un lavoratore risultasse in contatto con una persona a sua volta in stretto contatto con un positivo al Covid-19, non vi è alcuna precauzione da prendere a meno che il contatto stretto del caso non risulti successivamente positivo ad eventuali test diagnostici disposti dal Dipartimento di prevenzione e che quest’ultimo abbia accertato una possibile esposizione.

 

    1. Cosa deve fare la famiglia se l’alunno/a ha avuto un problema di salute ma non riconducibile al Covid?

In caso di problemi di salute è sempre necessario riferirsi al proprio Medico curante.

Nel caso in cui il problema di salute, dopo valutazione medica, non sia riconducibile al Covid, e pertanto il tampone non viene eseguito, l’alunno/a potrà tornare a scuola secondo le indicazioni del Medico curante. Non è richiesta alcuna certificazione/attestazione per il rientro. Eventualmente la scuola potrà richiedere una dichiarazione da parte del genitore dei motivi dell’assenza.

 

 

 

                                                         PERSONALE SCOLASTICO

 

  1. Nel caso in cui un lavoratore presenti una temperatura corporea al di sopra di 37,5°C o un sintomo compatibile con COVID-19, in ambito scolastico, quali sono le procedure da seguire ?        Bisogna assicurarsi che il lavoratore indossi la mascherina chirurgica, invitarlo ad allontanarsi dalla struttura, a rientrare al proprio domicilio e a contattare il proprio Medico curante per la valutazione clinica necessaria. Il Medico curante valuterà l’eventuale prescrizione del test diagnostico e lo comunicherà al Dipartimento di prevenzione della Asl che provvederà all’esecuzione del test. In caso di diagnosi di patologia diversa da COVID-19, il Medico curante redigerà un documento volto ad attestare che il lavoratore può rientrare a scuola poiché è stato seguito il percorso diagnostico-terapeutico e di prevenzione per COVID-19 previsto.

 

  1. Nel caso in cui un lavoratore presenti un aumento della temperatura corporea al di sopra di 37.5°C o un sintomo compatibile con COVID-19, al proprio domicilio, come deve comportarsi?

Deve restare a casa, informare il Medico curante, e comunicare l’assenza dal lavoro per motivi di salute, producendo il certificato medico. Il Medico, in caso di sospetto COVID-19, richiede tempestivamente il test diagnostico e lo comunica al Dipartimento di prevenzione che provvederà all’esecuzione del test. In caso di diagnosi di patologia diversa da COVID-19, il Medico certificherà che il lavoratore può rientrare a scuola poiché è stato seguito il percorso diagnostico-terapeutico e di prevenzione per COVID-19 previsto.

 

                                                              SCUOLA

 

1.  Quali sono le competenze del Referente scolastico Covid?

Il Referente scolastico per COVID-19 svolge un ruolo di interfaccia con il Dipartimento di prevenzione. In presenza di casi confermati COVID-19 a scuola, il Referente collabora con il Dipartimento di prevenzione nell’attività di tracciamento dei contatti  fornendo: l’elenco degli studenti della classe in cui si è verificato il caso confermato, l’elenco degli insegnanti/educatori/esperti che hanno svolto attività all’interno della classe in cui si è verificato il caso confermato, elementi per la ricostruzione dei contatti stretti avvenuti nelle 48 ore prima della comparsa dei sintomi (per gli asintomatici considerare le 48 ore precedenti la raccolta del campione che ha portato alla diagnosi) e quelli avvenuti nei 14 giorni successivi alla comparsa dei sintomi (o della diagnosi), elenco degli alunni/operatori scolastici con fragilità ed eventuali elenchi di operatori scolastici e/o alunni assenti.

 

2. Il numero di assenze in una classe è un dato da tenere sotto controllo? Il Referente scolastico per il COVID-19 deve comunicare al Dipartimento di prevenzione se si verifica un numero elevato di assenze improvvise di studenti in una classe o di insegnanti. Il Dipartimento di prevenzione effettuerà un’indagine epidemiologica per valutare le azioni di sanità pubblica da intraprendere, tenendo conto della presenza di casi confermati nella scuola o di focolai di COVID-19 nella comunità

 

  1. Come vanno puliti i locali in caso di un alunno o lavoratore positivo al COVID-19?

È necessario procedere ad una sanificazione straordinaria della scuola, se sono trascorsi 7 giorni o meno da quando la persona positiva è stata nella struttura. Per sicurezza vanno chiuse le aree utilizzate dalla persona positiva fino al completamento della sanificazione, aprendo porte e finestre per favorire la circolazione dell'aria nell’ambiente.

 

  1. Chi prescrive la quarantena agli studenti di una classe e/o la chiusura di una scuola o parte di essa?

Se un alunno e/o un lavoratore risulta positivo al COVID-19, il Dipartimento di prevenzione valuterà la possibilità di prescrivere la quarantena a tutti gli studenti della stessa classe e all’eventuale personale scolastico esposto che si configuri come contatto stretto. La chiusura di una scuola o parte della stessa dovrà essere valutata dal Dipartimento di prevenzione della Asl.

 

APP IMMUNI

Che cos’è l’app IMMUNI?

Immuni è un’app creata per aiutarci a combattere le epidemie, a partire da quella del COVID-19. L’app si propone di avvertire gli utenti potenzialmente contagiati il prima possibile, anche quando sono asintomatici. Questi utenti possono poi isolarsi per evitare di contagiare altri. Questo minimizza la diffusione del virus e, allo stesso tempo, velocizza il ritorno a una vita normale per la maggior parte della popolazione. Venendo informati tempestivamente, gli utenti possono anche contattare il proprio medico di medicina generale prima e ridurre così il rischio di complicanze. Da https://www.immuni.italia.it/faq.html

 

Chi deve utilizzare l’app IMMUNI?

Il Comitato Tecnico Scientifico ne ha fortemente consigliato l’adozione agli studenti ultraquattordicenni, ai  genitori e a tutto il personale scolastico docente e non docente perché ritiene costituisca uno dei punti chiave della strategia complessiva di prevenzione e monitoraggio del mondo della scuola.

 

SITI ISTITUZIONALI

Dal sito Regione Lombardia:

https://www.regione.lombardia.it/wps/portal/istituzionale/HP/DettaglioRedazionale/servizi-e-informazioni/cittadini/salute-e-prevenzione/coronavirus/gestione-casi-covid-19

 

Al portale dedicato “RIPARTENZA SCUOLE” è possibile reperire indicazioni e risposte ai quesiti più frequenti di interesse per genitori, dirigenti scolastici e referenti covid:

 

SEZIONE DEDICATA ALLA SCUOLA (ISTITUZIONI, INSEGNANTI, OPERATORI SCOLASTICI) :

https://www.ats-milano.it/portale/EMERGENZA-CORONAVIRUS/RIPARTENZA-SCUOLE-Scuole-e-insegnanti

 

SEZIONE DEDICATA A STUDENTI, GENITORI E FAMIGLIE :
https://www.ats-milano.it/portale/RIPARTENZA-SCUOLE-Studenti-e-genitori

 

Scuola che Promuove Salute:   https://www.scuolapromuovesalute.it/

 

Prefettura di Milano: http://www.prefettura.it/milano/contenuti/_ripartenza_scuola-9500614.htm.

 

MIUR:  https://www.istruzione.it/rientriamoascuola/